Scenario: Migrazione di dispositivi che eseguono sistemi operativi Linux o macOS

16 aprile 2024

ID 200394

Questa sezione descrive come eseguire la migrazione dei dispositivi che eseguono sistemi operativi Linux o macOS da Kaspersky Security Center Web Console in esecuzione in locale a Kaspersky Security Center Cloud Console. Gli scenari di base di migrazione senza una gerarchia di Administration Server e migrazione con tale gerarchia consentono il trasferimento di tutti i dispositivi e degli oggetti correlati a Kaspersky Security Center Cloud Console. Tuttavia, se la rete include dispositivi che eseguono non solo Windows, ma anche Linux o macOS, è necessario trasferire separatamente i dispositivi di ciascun tipo di sistema operativo. Di conseguenza, è necessario eseguire più volte la migrazione.

Prerequisiti

Prima di iniziare, procedere come segue:

  • Eseguire l'upgrade dell'Administration Server in esecuzione in locale alla versione 12 Patch A o successiva.
  • Installare Kaspersky Security Center Web Console versione 12.1 o successiva.
  • Eseguire l'upgrade di Network Agent nei dispositivi gestiti alla versione 12 o successiva.
  • Eseguire l'upgrade delle applicazioni gestite alle versioni supportate da Kaspersky Security Center Cloud Console.
  • Assicurarsi di disporre dei criteri per le versioni più recenti delle applicazioni gestite. Se si utilizzano criteri obsoleti, crearne di nuovi per le versioni delle applicazioni supportate da Kaspersky Security Center Cloud Console.
  • Per utilizzare criteri validi, eseguire l'upgrade dei plug-in Web per le applicazioni che si intende gestire tramite Kaspersky Security Center Cloud Console.
  • Disinstallare le applicazioni Kaspersky dai dispositivi gestiti se queste applicazioni non sono supportate da Kaspersky Security Center Cloud Console, quindi sostituire le applicazioni disinstallate con quelle supportate.

Kaspersky Security Center Cloud Console consente un massimo di 25.000 dispositivi gestiti per un Administration Server.

Fasi della migrazione

La migrazione a Kaspersky Security Center Cloud Console comprende le seguenti fasi:

  1. Raggruppamento dei dispositivi gestiti in base ai relativi sistemi operativi

    Se la rete include dispositivi che eseguono diversi sistemi operativi (Windows, Linux o macOS), posizionare i dispositivi di ciascun sistema operativo in gruppi di amministrazione separati in Kaspersky Security Center Web Console. Creare inoltre un gruppo di amministrazione per ogni distribuzione Linux. Se ad esempio si dispone di dispositivi Debian e Red Hat Linux, allocarli in diversi gruppi di amministrazione. In questo modo sarà possibile eseguire correttamente la migrazione poiché sono necessari diversi pacchetti di installazione di Network Agent per vari sistemi operativi.

  2. Eseguire separatamente la migrazione di ogni gruppo di amministrazione e dei relativi oggetti dell'applicazione

    La migrazione dei dispositivi gestiti di ciascun sistema operativo deve avvenire separatamente, per includere i relativi criteri e attività. Se ad esempio si dispone di dispositivi Windows, macOS, Ubuntu e CentOS, trasferire prima i dispositivi che eseguono il sistema operativo Windows in Kaspersky Security Center Cloud Console, quindi i dispositivi macOS, poi Ubuntu e infine CentOS. È possibile trasferire i dispositivi gestiti in qualsiasi ordine.

    A tale scopo, eseguire la migrazione senza la gerarchia di Administration Server o la migrazione con tale gerarchia, a seconda che la rete includa Administration Server secondari o meno. Durante la migrazione, utilizzare il pacchetto di installazione di Network Agent corrispondente al sistema operativo dei dispositivi trasferiti. Selezionare ad esempio Kaspersky Security Center 13.2 Network Agent per dispositivi Linux per eseguire correttamente la migrazione.

    Tenere presente che per gli oggetti non di gruppo, come le attività globali, le selezioni dispositivi personalizzate o i rapporti, la migrazione deve essere eseguita una sola volta.

Risultati

Al termine della migrazione, è possibile verificare che il processo abbia avuto esito positivo:

  • La versione corretta di Network Agent viene reinstallata in ogni dispositivo gestito che esegue il sistema operativo Linux o macOS.
  • Tutti i dispositivi Linux o macOS sono gestiti tramite Kaspersky Security Center Cloud Console.
  • Tutte le impostazioni degli oggetti applicate prima della migrazione sono state mantenute.

Hai trovato utile questo articolo?
Cosa pensi che potremmo migliorare?
Grazie per il feedback! Ci stai aiutando a migliorare.
Grazie per il feedback! Ci stai aiutando a migliorare.