Profili criterio

17 giugno 2024

ID 92434

L'applicazione dei criteri ai dispositivi solo tramite la gerarchia dei gruppi di amministrazione in molte circostanze può essere poco pratica. Può essere necessario creare più istanze di un singolo criterio con una o due impostazioni differenti per gruppi di amministrazione diversi e sincronizzare i contenuti di questi criteri in futuro.

Per contribuire a evitare tali problemi, Kaspersky Security Center supporta profili di criteri. Un profilo criterio è un sottoinsieme denominato di impostazioni dei criteri. Questo sottoinsieme viene distribuito nei dispositivi di destinazione insieme al criterio, integrandolo in una condizione specifica definita condizione di attivazione del profilo. I profili contengono solo le impostazioni diverse dal criterio "di base" che è attivo sul dispositivo client (computer o dispositivo mobile). L'attivazione di un profilo determina la modifica delle impostazioni del criterio attivo nel dispositivo prima dell'attivazione del profilo. Tali impostazioni assumono i valori specificati nel profilo.

Attualmente ai profili criterio si applicano le seguenti limitazioni:

  • Un criterio può includere al massimo 100 profili.
  • Un profilo criterio non può contenere altri profili.
  • Un profilo criterio non può contenere impostazioni di notifica.

Contenuto di un profilo

Un profilo criterio contiene i seguenti elementi:

  • Nome I profili con nomi identici si influenzano reciprocamente attraverso la gerarchia dei gruppi di amministrazione con regole comuni.
  • Sottoinsieme di impostazioni dei criteri. A differenza del criterio, che contiene tutte le impostazioni, un profilo contiene solo le impostazioni che sono effettivamente richieste (le impostazioni bloccate).
  • Condizione di attivazione è un'espressione logica con le proprietà del dispositivo. Un profilo è attivo (integra il criterio) solo quando la condizione di attivazione del profilo diventa vera. In tutti gli altri casi, il profilo è inattivo e viene ignorato. Le seguenti proprietà del dispositivo possono essere incluse nell'espressione logica:
    • Stato della modalità fuori sede.
    • Proprietà dell'ambiente di rete - Nome della regola attiva per la connessione di Network Agent.
    • Presenza o assenza dei tag specificati nel dispositivo.
    • Posizione del dispositivo in un'unità di Active Directory: esplicita (il dispositivo è direttamente nell'unità organizzativa specificata) o implicita (il dispositivo è in un'unità organizzativa che è contenuta nell'unità organizzativa specificata a qualsiasi livello di annidamento).
    • Appartenenza del dispositivo a un gruppo di protezione di Active Directory (esplicita o implicita).
    • Appartenenza del proprietario del dispositivo a un gruppo di protezione di Active Directory (esplicita o implicita).
  • Casella di controllo per la disabilitazione del profilo. I profili disabilitati vengono sempre ignorati e le relative condizioni di attivazione non sono verificate.
  • Priorità del profilo. Le condizioni di attivazione di differenti profili sono indipendenti, quindi è possibile attivare contemporaneamente più profili. Se i profili attivi contengono raccolte di impostazioni che non si sovrappongono, non si verifica alcun problema. Se invece due profili attivi contengono valori diversi della stessa impostazione, si verifica un'ambiguità. Questa ambiguità deve essere evitata tramite le priorità dei profili: il valore della variabile ambigua viene ottenuto dal profilo che ha la priorità più alta (quello al livello superiore nell'elenco dei profili).

Comportamento dei profili quando i criteri si influenzano reciprocamente attraverso la gerarchia

I profili con lo stesso nome vengono uniti in base alle regole di unione dei criteri. I profili di un criterio upstream hanno una priorità più alta rispetto ai profili di un criterio downstream. Se la modifica delle impostazioni non è consentita nel criterio upstream (è bloccata), il criterio downstream utilizza le condizioni di attivazione del profilo di quello upstream. Se la modifica delle impostazioni è consentita nel criterio upstream, vengono utilizzate le condizioni di attivazione del profilo del criterio downstream.

Poiché un profilo criterio può contenere la proprietà Il dispositivo è offline nella relativa condizione di attivazione, i profili sostituiscono completamente la funzionalità dei criteri per gli utenti fuori sede, che non saranno non più supportati.

Un criterio per gli utenti fuori sede può contenere profili, ma questi profili possono essere attivati solo una volta che il dispositivo passa alla modalità fuori sede.

Hai trovato utile questo articolo?
Cosa pensi che potremmo migliorare?
Grazie per il feedback! Ci stai aiutando a migliorare.
Grazie per il feedback! Ci stai aiutando a migliorare.